Scarica la APP

Scarica la APP

Disponibile per Android, e presto per iPhone e Windows phone

Le collaborazioni

Nel dicembre 2009 alcuni soggetti del circuito del Libero Laboratorio hanno scelto di collaborare con la cooperativa sociale La Cordata, nell’ambito dell’incubatore di imprese creative JoBox, situato all’interno di Villaggio Barona. Tra gli obiettivi strategici c’era l’avvio di un cantiere di promozione territoriale che partisse dalla valorizzazione delle risorse esistenti in un quartiere dotato di un’identità particolare nel panorama milanese, alla luce della prossimità sia a luoghi tipici dello svago metropolitano, sia alle realtà quasi rurali del Parco Sud.

Il proposito era quindi valorizzare quanto di innovativo già c’era, invece di sbarcare con intenti colonizzatori; coerentemente con questa finalità BARONA CAPUT MUNDI ha raccolto l’immediata adesione dei soggetti da più tempo impegnati sul territorio del quartiere Barona.

In particolare, è stata importante la collaborazione dell’Associazione Sviluppo e Promozione, associazione di volontariato che opera in Barona dal 1986 e che ha mediato importanti evoluzioni urbanistiche e sociali nell’area, rappresentando per BARONA CAPUT MUNDI un riferimento concreto sul territorio.

Entusiasta è stata presto l’adesione del Centro Italiano Sport Ecologici di via Campari 10 e delle associazioni sportive che lo animano, a partire da quell’AIF che attraverso Valentino De Chiara negli anni Settanta ha portato in Italia sport come il frisbee, il boomerang e molti altri. E che ora al Parco Teramo propone un modello di playing field che guarda al futuro (quel futuro già realizzato in Giappone e in parte degli Stati Uniti) e che, nell’attesa pluriennale di essere “scoperto”, offre svago gratuito a giovani e meno giovani di tutta la città.

Sincera è stata la collaborazione dell’associazione Liberi Pensieri, che ha mediato il non facile rapporto con le scuole della zona, ormai prive di risorse economiche alla luce delle sempre maggiori riduzioni istituzionali di finanziamento, eppure incredibilmente lucide nella scelta di privilegiare le iniziative di qualità nella formazione dei ragazzi in dialogo con il territorio.

Il rapporto con la dimensione più propria della Barona, ovvero la prossimità costitutiva con il Parco Sud, è poi stato garantito e alimentato dall’associazione Parco Sud – Barona che da lungo tempo rappresenta una risorsa decisiva per la conservazione dell’integrità del territorio.

E un primo importante link per la comunicazione sul territorio è stato certamente quello con il gruppo di Barona Live che trasmette regolarmente su Radio Navigli e in streaming e che si è immediatamente interessata alle iniziative di BARONA CAPUT MUNDI.

Ma se questi sono stati i primissimi partner del Libero Laboratorio nella non facile impresa di restituire alla Barona il suo valore, molti altri (profit e non profit) se ne stanno aggiungendo giorno per giorno, in collegamento alle singole iniziative e proposte che vengono sviluppate: commercianti, associazioni, centri di sviluppo, gruppi informali, professionisti, individui, aziende…

Powered by LibLab