Scarica la APP

Scarica la APP

Disponibile per Android, e presto per iPhone e Windows phone

Il network

Come iniziativa aperta di promozione del territorio, BARONA CAPUT MUNDI si è attrezzata subito con attività e strumenti molto concreti, capaci di accogliere pressoché tutti i soggetti che sul territorio hanno risorse da comunicare e promuovere.

L’intenzione è infatti quella di dare opportunità a una comunità attiva e intraprendente di attori della Zona 6. In questa direzione va la scelta di abbinare a una manifestazione cinematografica come The Village Doc Festival tanti laboratori pratici e dibattiti sulla realtà locale, oltre al fatto che le proiezioni si svolgono nelle strade, nei parchi, nelle scuole e nei negozi della zona (anziché dentro i cinema). La stessa logica è quella di realizzare prodotti audiovisivi sulle risorse poco note della Zona, per poi divulgarle su web e portarle in tv. Ma soprattutto questo è lo spirito della creazione di una piattaforma integrata tra web e mobile, che consenta a chiunque svolga attività in zona – come aggregatore, educatore, imprenditore, commerciante, politico o semplice cittadino – di promuoversi attraverso mezzi moderni, di ampio respiro e di grande futuro.
Non serve più operare nel centro della metropoli per essere visibili: oggi basta collegarsi alla nuova rete di BARONA CAPUT MUNDI, di cui il Libero Laboratorio non è che il catalizzatore. Per approfittare di tutte le opportunità e contribuire a svilupparle, è sufficiente dimostrare la propria adesione tesserandosi individualmente al Libero Laboratorio: basta un click.

Ma le formule di collaborazione sono comunque molto varie, perché per BARONA CAPUT MUNDI sono preziose tutte le formule di coinvolgimento (anzi, il coinvolgimento è l’obiettivo autentico): dai volontari del festival ai tanti che scrivono per dare consigli…

Di certo sono decisivi i contributi dei cittadini per avere informazioni ricche e utili sul territorio. E importanti sono pure i soggetti attenti di realtà esterne a Zona 6: amministratori cittadini, associazioni nazionali, promotori culturali italiani e stranieri. In questo caso, il territorio viene coinvolto più che altro come soggetto di interlocuzione qualificata ad ampio raggio.

Powered by LibLab